Come ottimizzare la Sitemap XML per una rapida indicizzazione sui motori di ricerca

Come ottimizzare la Sitemap XML per una rapida indicizzazione sui motori di ricerca

Condividi

La creazione di una sitemap è una parte importante dell’ottimizzazione di qualsiasi sito web.

Non solo le sitemap forniscono ai motori di ricerca un modello di come è strutturato il tuo sito web, ma possono anche includere metadati preziosi come:

  • Con quale frequenza ogni pagina viene aggiornata.
  • Quando sono stati cambiati l’ultima volta.
  • Quanto sono importanti le pagine in relazione l’una con l’altra.

Le Sitemap sono particolarmente importanti per i siti Web che:

  • Includere molti contenuti archiviati non collegati tra loro.
  • Mancano collegamenti esterni.
  • Hai centinaia o addirittura migliaia di pagine.

Come suggerisce il nome, questi file forniscono ai robot una mappa del tuo sito che li aiuta a scoprire e indicizzare le pagine più importanti.

In questo articolo discuteremo i suggerimenti più importanti che devi conoscere per creare e ottimizzare la tua sitemap per i motori di ricerca e i visitatori.

Usa Strumenti e Plugin per generare automaticamente la tua Sitemap

Generare una Sitemap è facile quando si hanno gli strumenti giusti, come il software di controllo con un generatore di Sitemap XML incorporato o plugin popolari come Google XML Sitemaps.

Infatti, i siti web WordPress che stanno già utilizzando Yoast SEO possono abilitare le Sitemap XML direttamente nel plugin.

In alternativa, è possibile creare manualmente una Sitemap seguendo la struttura del codice Sitemap XML. Tecnicamente, la tua sitemap non ha nemmeno bisogno di essere in formato XML – un file di testo con una nuova riga che separa ogni URL sarà sufficiente.

Tuttavia, dovrai generare una sitemap XML completa se desideri implementare l’attributo hreflang, quindi è molto più semplice lasciare che uno strumento esegua il lavoro per te.

Visita le pagine ufficiali di Google e Bing per ulteriori informazioni su come impostare manualmente la tua sitemap.

Invia la tua Sitemap a Google

Puoi inviare la tua Sitemap a Google dalla tua Search Console di Google.

Dalla dashboard, fai clic su Scansione> Sitemap> Aggiungi Sitemap di test.

Verifica la tua Sitemap e visualizza i risultati prima di fare clic su Invia Sitemap per verificare gli errori che potrebbero impedire l’indicizzazione delle pagine di destinazione principali.

Idealmente, si desidera che il numero di pagine indicizzate sia uguale al numero di pagine inviate.

Tieni presente che l’invio della Sitemap indica a Google quali pagine consideri di alta qualità e degne di indicizzazione, ma non garantisce che vengano indicizzate.

Invece, il vantaggio di inviare la tua sitemap è:

Aiuta Google a capire come è strutturato il tuo sito web.
Scopri gli errori che puoi correggere per assicurarti che le tue pagine siano indicizzate correttamente.

Dai priorità alle pagine di alta qualità nella tua Sitemap

Quando si parla di classifica, la qualità complessiva del sito è un fattore chiave.

Se la tua sitemap indirizza bot a migliaia di pagine di bassa qualità, i motori di ricerca interpretano queste pagine come un segno che il tuo sito Web probabilmente non è un visitatore che vorrebbe visitare, anche se le pagine sono necessarie per il tuo sito, come le pagine di accesso.

Invece, prova a indirizzare i bot alle pagine più importanti del tuo sito. Idealmente, queste sono pagine che sono:

  • Altamente ottimizzato.
  • Includi immagini e video.
  • Hanno un sacco di contenuti unici.

Promuovere il coinvolgimento degli utenti tramite commenti e recensioni.

Isolare i problemi di indicizzazione

Google Search Console può essere un po ‘frustrante se non indicizza tutte le tue pagine perché non ti dice quali pagine sono problematiche.

Ad esempio, se invii 20.000 pagine e solo 15.000 di esse sono indicizzate, non ti verrà detto quali sono le 5.000 “pagine problematiche”.

Questo è particolarmente vero per i grandi siti di e-commerce che hanno più pagine per prodotti molto simili.

Il consulente SEO Michael Cottam ha scritto una guida utile per isolare le pagine problematiche. Raccomanda di dividere le pagine dei prodotti in diverse Sitemap XML e di testarle ciascuna.

Crea sitemaps che affermeranno ipotesi, come “pagine che non hanno immagini di prodotto non vengono indicizzate” o “pagine senza copia unica non vengono indicizzate“.

Una volta isolati i principali problemi, puoi lavorare per risolvere i problemi o impostare tali pagine su “noindex”, in modo che non diminuiscano la qualità generale del tuo sito.

Aggiornamento: la Search Console di Google è stata recentemente aggiornata in termini di copertura dell’indice. In particolare, le pagine dei problemi sono ora elencate e vengono fornite le ragioni per cui Google non sta indicizzando alcuni URL.

Includi solo versioni canoniche di URL nella tua Sitemap

Quando hai più pagine molto simili, ad esempio pagine di prodotti con colori diversi dello stesso prodotto, dovresti utilizzare il tag “link rel = canonical” per indicare a Google quale pagina è la pagina “principale” che dovrebbero eseguire la scansione e l’indicizzazione.

I bot hanno un tempo più facile per scoprire le pagine chiave se non si includono pagine con URL canonici che puntano ad altre pagine.

Use Robots Meta Tag over Robots.txt Whenever Possible

Quando non vuoi che una pagina venga indicizzata, di solito puoi usare il tag meta robots “noindex, follow”.

Ciò impedisce a Google di indicizzare la pagina ma preserva la tua equità di collegamento, ed è particolarmente utile per le pagine di utilità che sono importanti per il tuo sito ma che non dovrebbero essere mostrate nei risultati di ricerca.

L’unica volta in cui desideri utilizzare robots.txt per bloccare le pagine è quando stai esaurendo il budget di ricerca per indicizzazione.

Se noti che Google sta eseguendo di nuovo la scansione e indicizzazione di pagine relativamente insignificanti (ad es. Pagine di singoli prodotti) a scapito delle pagine principali, potresti voler utilizzare robots.txt.

Non includere URL “noindex” nella tua Sitemap

Parlando di budget di scansione scaduto, se i robot dei motori di ricerca non sono autorizzati a indicizzare determinate pagine, non hanno attività nella tua sitemap.

Quando invii una sitemap che include pagine bloccate e “noindex”, stai dicendo contemporaneamente a Google “è molto importante indicizzare questa pagina” e “non ti è consentito indicizzare questa pagina”.

La mancanza di coerenza è un errore comune.

Crea Sitemap XML dinamiche per siti di grandi dimensioni

È quasi impossibile tenere il passo con tutti meta robot su enormi siti web.

Invece, dovresti impostare la logica delle regole per determinare quando una pagina verrà inclusa nella tua sitemap XML e / o modificata da noindex a “index, follow”.

Puoi trovare istruzioni dettagliate su come creare esattamente una sitemap XML dinamica, ma, ancora una volta, questo passaggio è reso molto più semplice con l’aiuto di uno strumento che genera sitemap dinamici per te.

Utilizza Sitemap XML e Feed RSS / Atom

I feed RSS / Atom notificano ai motori di ricerca quando aggiorni una pagina o aggiungi nuovi contenuti al tuo sito web.

Google consiglia di utilizzare sia sitemap che feed RSS / Atom per aiutare i motori di ricerca a capire quali pagine devono essere indicizzate e aggiornate.

Includendo solo i contenuti aggiornati di recente nei tuoi feed RSS / Atom, potrai trovare più facilmente nuovi contenuti sia per i motori di ricerca che per i visitatori.

Aggiorna i tempi di modifica solo quando apporti modifiche sostanziali

Non cercare di ingannare i motori di ricerca nelle pagine di reindicizzazione aggiornando i tempi di modifica senza apportare pagine sostanziali alla tua pagina.

L’anno scorso, ho parlato a lungo dei potenziali pericoli della SEO rischiosa. Non ripeterò tutti i miei punti qui, ma basti dire che Google potrebbe iniziare a rimuovere i data feed se sono costantemente aggiornati senza fornire un nuovo valore.

Non preoccuparti troppo delle impostazioni di priorità

Alcune Sitemap hanno una colonna “Priority” che indica apertamente ai motori di ricerca quali pagine sono più importanti.

Comunque sia, questa caratteristica funziona da molto tempo.

All’inizio dell’anno scorso, è stato comunicato che Googlebot ignora le impostazioni di priorità durante la scansione, quindi non perdete tempo…

Mantieni le dimensioni del file più piccole possibili

Minore è la tua sitemap, minore è la tensione che stai mettendo sul tuo server.

Google e Bing hanno entrambi aumentato la dimensione dei file Sitemap accettati da 10 MB a 50 MB nel 2016, ma è comunque buona norma mantenere la tua mappa del sito più snella possibile e dare la priorità alle pagine di destinazione principali.

Crea più Sitemap se il sito include> 50.000 URL

Hai un limite di 50.000 URL per sitemap.

Mentre questo è più che sufficiente per la maggior parte dei siti, alcuni siti dovranno creare più di una Sitemap.

Ad esempio, i siti di e-commerce di grandi dimensioni potrebbero dover creare sitemap aggiuntive per gestire pagine di prodotti extra.

Al prossimo articolo!